Crea sito

Scopri i percorsi per immergerti nella Natura e visitare i Monumenti di Cottanello

Cottanello (C.A.P. 02040) appartiene alla provincia di Rieti e dista 24 chilometri da Rieti, capoluogo della omonima provincia. Cottanello conta 572 abitanti (Cottanellesi) e ha una superficie di 36,5 chilometri quadrati per una densità abitativa di 15,67 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 551 metri sopra il livello del mare. Il municipio è sito in Via Umberto I 5, tel. 0746 66122, fax. 0746 66122. Cenni anagrafici: Il comune di Cottanello ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 597 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 572 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -4,19%. Gli abitanti sono distribuiti in 270 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,12 componenti. Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 296 e i 1.206 metri sul livello del mare. L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 910 metri. Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 3 attività industriali con 8 addetti pari al 4,21% della forza lavoro occupata, 15 attività di servizio con 31 addetti pari al 16,32% della forza lavoro occupata, altre 13 attività di servizio con 77 addetti pari al 40,53% della forza lavoro occupata e 9 attività amministrative con 74 addetti pari al 38,95% della forza lavoro occupata.

Eremo di San Cataldo

Situato alle porte del paese, il caratteristico Eremo di San Cataldo, incavato in una smisurata roccia granitica che lo ricopre a guisa di tetto, da oltre un millennio protegge la piccola comunità di Cottanello. Le sue origini, precedenti al X secolo, sono dovute ai frati benedettini che, predicando nella zona, lo usavano come rifugio o luogo di eremitaggio. L'eremo è dedicato a S. Cataldo, Vescovo di Rochau, vissuto tra il VI°- VII° secolo d.c. che durante un pellegrinaggio in Terra Santa mori' a Taranto dove fu sepolto nella cattedrale. La leggenda vuole che il Santo si sia rifugiato nell'eremo per sfuggire alla persecuzione ariana, ma nessun riscontro storico ha mai avvalorato tale ipotesi, ed e' più probabile invece che la sua venerazione fu portata dai soldati che intorno al 1497 avevano combattuto proprio a Taranto. Il patrono di Cottanello è stato da sempre S. Andrea, ma gli abitanti hanno sempre avuto una particolare predilezione per S. Cataldo, copatrono che si festeggia con gran fervore il 10 Maggio; a lui sono stati dedicati molti â??ex-votoâ?, alcuni ancora visibili all'interno dell'eremo